venerdì 10 ottobre 2008

Fibre di giorni imperfetti (2005/2006)

Ho condiviso
Ho condiviso il tuo sonno, il conforto. Eri diversa, mi tenevi per mano e ti seguivo docilmente sull'asfalto spaccato, sulla strada vuota. Il silenzio migliore ci accompagnava. A perdita d'occhio campi di steli inquieti. Ho un vuoto nel petto, non vedo orizzonti. Devo avere questo bisogno di te? Affrancami da questo cerchio.

Le mie parole
Le mie parole senza grazia giacciono sparse su una pietraia battuta dal vento. Discarica del quotidiano esistere, archivio di errori e strade interrotte. I fantasmi di persone mai esistite sfilano in processione verso l'orizzonte destinate a perdersi. Nessuna si volta indietro. Conviene adattarsi alle spine, farne un'abitudine. Alla fine qualcuno terrà conto di tutto e le cose finte diventeranno polvere; poi niente. Questo è bene. Questo è giusto. Questo è, soprattutto, vero.

Oggi la gravità è pesante
Oggi la gravità è pesante e confortevole. Il sole scolpisce ruvide superfici di ruggine, le parole incise hanno ombre lunghissime, ombre dense in circolo. Il vento e i riflessi come riverberi di cloro celeste, mentre gli anni luce si dispiegano, se guardo indietro. La tua voce in un giorno come questo avrebbe ancora senso, troverebbe il suo percorso, come tra i sentieri di erba sonora e tagliente, sparsa tra discreti contrafforti di docile pietra arancione. Invece rimane solo il crepitìo dei miei pensieri ed il mio sguardo perso in nuvole di sassolini prelevati dal fiume e portati qui per riempire gli sterri del tempo.

Quando penso a mia madre
Quando penso a mia madre apro vecchi libri di cucina dalle pagine ingiallite e ne escono fuori piccoli rettangoli di carta quadrettata dove con calligrafia precisa e quasi maschile annotava ricette in lingua francese. La carta è diventata fragile e calda, se la sfioro ne traggo una sensazione di polvere e di conforto. Allora vedo persiane dipinte di verde schiuse verso il sole, piccole ombre su un vecchio muro familiare, zone di muschio dove il muro incontra la terra. Se alzo gli occhi il cielo è quasi arancione e nel mio petto un grumo di vuoto si allarga se le nuvole si muovono troppo rapide. Anche il vento è lieve ma popolato di voci mentre il tempo non ha forma ed il luogo esiste solamente nel ricordo.

Non ho motivo
Non ho motivo per affrancarmi dai frammenti, dai detriti sparpagliati su piccole terre di nessuno fra i binari e il fiume. Ne avverto la consanguineità in un nebuloso stato d'animo intriso di paesaggi onirici che sono reali e concreti paesaggi che sono solo sogni. Mi soffermo ad osservare mentre il rumore di ferraglia è musica tra onde sinusoidali e gentili battimenti e toni ultraterreni. Non ho parole cui affidare tutto questo. Le parole sono solo un espediente logico e imperfetto, una semplificazione. Vorrei sparpagliarmi intorno in mille frammenti di coscienza e seguire l'ipertesto tridimensionale dell'esistenza. Invece ad ogni istante perdo luoghi per sempre.

Anche se qui
Anche se qui si sentono voci tra le foglie ben poco di umano sorvola questi boschi. Una volta avrei considerato questo un bene, adesso tutto è sfuocato ed incerto. Tra i frammenti di vite non vissute che come loop discreti mi accompagnano non so più quale scegliere per dare forma ad una giornata. Alcuni brevi messaggi che hai spedito in risposta ai miei, più lunghi, suggeriscono che qualcosa è cambiato in te. Azzardare ipotesi non è una buona strategia, ma se penso al tuo viso lo immagino sorridere, anche solo con gli occhi. Devo ancora decidere se questo mi può bastare, per oggi.

Il sole arancione
Il sole arancione del pomeriggio
e tutto perduto di fronte al vento
cauto che solleva polveri chiare
sopra colline senza segni umani

Consegno
Consegno ai compartimenti del buio
le schegge di questi giorni brevissimi
e come un foglio di carta attendo
di disseccarmi sotto il sole a picco,
virato in bianco, fragile e sonoro,
prossimo alla terra, evaporato
l'inchiostro, rimasti soltanto i solchi
della sfera appena appena incisi.

Fiori da muro
Fiori da muro dove il tuo sguardo scorreva
all'epoca dei pomeriggi di sole
immobili come le ombre arancioni
dei cipressi sulla polvere gentile

Nessun commento:

Posta un commento