sabato 10 settembre 2011

Settembre

(da: Scrivere per il futuro ai tempi delle nuvole informatiche, Fara Editore, Rimini, 2012)

«Oggi è tornato qualcuno» mi dice
il vento, come l’aria ancora calda
tra noi e le colline o certe ombre
luminose sugli intonaci esausti
al chiudersi del giorno.

Non c’è più niente in bianco e nero, qui,
ma pochi dei colori
non sono uguali a prima.

«Non ci saranno voci, passi o sguardi:
solo un breve sussulto
alla sostanza delle cose,
quasi impossibile da decifrare
nella ripetizione dei movimenti.»

Nessun commento:

Posta un commento