sabato 4 aprile 2015

Una poesia inedita

Vi lascio una poesia inedita che farà parte della mia prossima raccolta (quando uscirà)

Dopo essere entrato
rimango fermo per vedere
dove arrivano le somiglianze,
quale affinità si manifesta.

Oltre la porta lo stato dei luoghi
rispecchia il silenzio assorbito
durante gli anni luce.

Più avanti i miei passi
costringono una falena
a un volo diurno
che diventa guida
del mio sguardo:

la vita immaginaria non esiste
o non esiste più.

Nessun commento:

Posta un commento