martedì 14 febbraio 2017

Una poesia inedita

*

Prepararsi alla trasformazione o al riconoscimento 
è dare cittadinanza alla trama della pietra sul tetto 
e alle bolle d'aria cresciute al sole 
sulla vernice trasparente della finestra.

Nascono i concetti di universo interno e di confine
mettendo in conto il conio di qualche neologismo 
da mormorare come una profezia non creduta del tutto 
o come un esorcismo dolce che accompagni lo scorrere 
del giorno sopra il giorno cancellandone l'attrito.





Nessun commento:

Posta un commento