venerdì 24 giugno 2011

Perdono consistenza lentamente

da Magari in un'ora del pomeriggio, Fara Editore, Rimini, 2011

Perdono consistenza lentamente
scivolando sulla china del tempo
nella farragine delle parole
certi luoghi che avrei voluto offrirti
solo per una qualità di luce
che investiva il disegno delle ombre
sui tronchi dei castagni esposti al sole.

Un’idea di comunione segreta
costruita intorno a una tua presenza
possibile in un fragile sistema
di coincidenze si fa nebulosa
e svanisce. Con la dovuta calma.

6 commenti:

  1. Ho già commentato su anobii questa poesia.. Qua dirò 'solo' che sei veramente bravo, mi piace molto come scrivi e continuerò a seguirti.. A presto!

    RispondiElimina
  2. Grazie davvero per il tuo commento :-) Io mi sto nel frattempo gustando il tuo blog e mi piace assai!

    RispondiElimina
  3. La poesia è molto calma, in maniera velata... è una placida rassegnazione di cercare un vento più caldo e più coinvolgente, ma non mancherà certo chi vorrà fare della tua luce i suoi forti passi nel mondo!

    Molto bravo comunque, complimenti... e sono anch'io un poeta, te ne sarei grato se volessi farmi visita, a presto!

    http://mondiparalleli-mt.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio tanto Mattia, passo a trovarti sul tuo blog...

    RispondiElimina
  5. incredibile e dolce e triste come tutte le cose che ci viene da amare. :*

    RispondiElimina
  6. ...e, spesso, perdere. Grazie del commento. Ho già dato un'occhiata al tuo blog e direi che avrò da leggere per un bel po' di tempo ;-)

    RispondiElimina