giovedì 19 luglio 2018

almost automatic landscapes | nuovo video

Un piccolo video per il brano a threshold del mio progetto di musica elettronica Aal (almost automatic landscapes). Il brano fa parte dell'album a season, uscito a fine 2017, e disponibile tramite la mia etichettina personale aalmusic, qui: https://aalmusic.bandcamp.com/album/a-season

Il video è un'animazione di alcune copertine di Urania Mondaori, a firma Karel Thole, fonte inesauribile di ispirazione.

Una poesia inedita

In uno degli ultimi giorni mi parlavi del futuro
guardando un taglio in via di guarigione
che mi ero procurato giocando
e che continuavo a sfiorare senza sosta.

Poi raccogliesti un sasso al margine del campo incolto
caduto certamente da un carico di ghiaia
diretto alla casa più avanti quando era in costruzione.

Il cambiamento ha velocità diverse per ogni entità
mi dicevi rigirando il sasso tra indice e pollice
dove ti lasciava un velo di terra secca.





mercoledì 6 giugno 2018

The Expanding Universe + almost automatic landscapes

Annuncio con orgoglio che Sabato 7 luglio 2018, ore 18:00, nella suggestiva cornice degli Scavi Archeologici Etruschi di Frascole (Dicomano) avrò il piacere di aprire - con il mio progetto almost automatic landscapes - per The Expanding Universe, in una live performance all'insegna della ricerca a della sperimentazione elettronica e poetica. Per saperne di più continuate a leggere.

L'evento è inserito all'interno dell'Estate Frascolana, una serie di appuntamenti dedicati all'arte, alla musica e alla cultura patrocinati dal Comune Di Dicomano e dal Museo Archeologico di Dicomano. Ingresso Gratuito.

The Expanding Universe + almost automatic landscapes

un doppio appuntamento con la musica elettronica di ricerca e con i suoni "altri"

Sabato 7 luglio 2018
Scavi Archeologici Etruschi di Frascole (Dicomano)
ore 18:00
ingresso gratuito


The Expanding Universe è un'unità di ricerca elettronica che si ispira ai principi della Musica Intuitiva formulati da Karlheinz Stockhausen alla fine degli anni Sessanta.

Fondata nel 2014, l'ensemble ha operato in formazioni variabili
- dai due agli 11 elementi - raggiungendo la composizione attuale nel 2017 - Aldo Aliprandi (monocordo, piatti, laptop), Alessandra Trevisan (voce), Johann Merrich (sintetizzatori) -
e continuando a ospitare musicisti all'interno della formazione a seconda del contesto.

I metodi della Musica Intuitiva vengono affinati dal trio nel 2016, a seguito di un workshop a essa dedicato e condotto da Markus Stockhausen.

L'ensemble esegue partiture grafiche e verbali di propria produzione ed è stato invitato a partecipare a importanti manifestazioni quali il Santarcangelo Festival (luglio 2018) e la
57esima Biennale d'Arte di Venezia, occasione in cui il trio è invitato dall'artista Xavier Veilhan a lavorare all'interno dell'opera Studio Venezia, Padiglione Francia.

The Expanding Universe è una produzione di electronicgirls.org, netlabel dedicata alla sperimentazione elettronica, in collaborazione con Live Arts Cultures - associazione culturale dedita ai linguaggi del contemporaneo con sede a Forte Marghera, Venezia Mestre.

Data la caratteristica volutamente aleatoria e non-finita delle sue espressioni, The Expanding Universe non ha fin ora avuto in progetto la registrazione di un album.
Per fruire di qualche esempio delle sue sonorità rimandiamo a una performance live al Teatro Arsenale di Milano,
ottobre 2017:



almost automatic landscapes (cioè paesaggi sonori quasi automatici, in passato aal). È un progetto solista fondato da Davide Valecchi nel 2001 che si occupa principalmente di musica elettronica.

Inizialmente connotato in chiave ambient e dark ambient si evolve negli anni successivi verso una forma di flusso sonoro che include influenze di musica concreta, acusmatica, glitch, microsound, minimalismo, drone, noise e industrial.

Grazie principalmente alle etichette S'agita Recordings (di Roma) e AFE Records (di Milano) tra il 2001 e il 2009 vengono pubblicati diversi lavori anche in collaborazione con altri artisti della stessa area sonora. La ricerca alla base del progetto muove da impulsi istintivi e quindi dall'improvvisazione (attraverso strumenti musicali come sintetizzatori, pianoforte, percussioni, basso, chitarra) unita a fonti sonore disparate, dai field recordings alle onde radio al processing digitale, in un costante e mai finito inseguimento di un'idea, un tentativo di fissare in una forma sonora un paesaggio interiore che comprenda frammenti di realtà e di sogno, memoria, vita immaginaria, altre dimensioni ed altri tempi, con frequenti suggestioni provenienti dalla letteratura (soprattutto fantascientifica ma non solo).

La ricerca sonora procede di pari passo con l'indagine sulla parola, condotta attraverso la scrittura poetica: questi due mondi spesso si toccano, si uniscono e si sovrappongono, dando vita a un'entità dove le relazioni spazio-temporali, culturali ed emotive si frantumano e si riannodano in nuove connessioni. Dopo un periodo di stop di qualche anno alla fine del 2017 vede la luce un nuovo disco di almost automatic landscapes, intitolato “a season” e contenente materiale audio registrato e assemblato nel decennio 2007-2017.


mercoledì 23 maggio 2018

a season: una recensione

Ripropongo una bellissima recensione uscita su Ver Sacrum, a cura di Franca Santoro, dedicata al mio ultimo lavoro come almost automatic landscapes, intitolato a season, pubblicato negli ultimi giorni del 2017 per la mia piccola label personale aalmusic. Per leggere la recensione sul sito di Ver Sacrum cliccate sull'immagine. In fondo all'articolo potete vedere e ascoltare il brano lost somewhere tratto dal disco.